Transizione ecologica in mostra a Rimini. 6 aree tematiche alla fiera K.EY-The Energy Transition expo 2023 TEST

Rivoluzione energetica in primo piano alla K.EY Expo di Rimini: 600 brand, raddoppiata la superficie espositiva e sei aree tematiche principali. L'evento diventa punto di riferimento per la transizione energetica in Italia, Africa e Mediterraneo, con focus su solare, eolico, idrogeno, efficienza energetica, mobilità elettrica e città sostenibili.

Rivoluzione energetica, K.EY Expo apre i battenti a Rimini. La più importante vetrina della Transizione Ecologica va in scena con 600 brand e una raddoppiata superficie espositiva

La fiera in numeri

La rinomata fiera K.EY Expo, organizzata dall’Italian Exhibition Group (IEG), apre oggi le porte per la prima volta in forma autonoma presso il polo fieristico di Rimini, consolidando il ruolo dell’evento come punto di riferimento in Italia, Africa e bacino del Mediterraneo per la transizione energetica. L’edizione di quest’anno, separata da Ecomondo e con un’inedita collocazione in primavera, vanta circa 600 brand, di cui il 28% stranieri, con i principali leader di mercato presenti e una significativa espansione delle filiere.

L’evento (in programma fino al 24 marzo) si sviluppa su una superficie espositiva raddoppiata rispetto alle edizioni precedenti, con 12 padiglioni e sei aree tematiche dedicate a ciascuno dei settori merceologici. Questo conferma la vivacità del mercato delle energie rinnovabili e sottolinea l’importanza dell’Italia nella transizione energetica.

All’Opening Ceremony sono intervenuti rappresentanti di spicco del settore e delle istituzioni, tra cui Corrado Peraboni (Amministratore Delegato di IEG), Vannia Gava (Viceministro MASE), Stefano Bonaccini (Presidente Regione Emilia-Romagna), Anna Montini (Assessore alla Transizione Ecologica, Blu Economy, Statistica del Comune di Rimini), Roberto Luongo (Direttore ICE) e Paolo Arrigoni (Presidente GSE).

K.EY Expo, nata dalla costola di Ecomondo, è fondamentale per il futuro delle energie rinnovabili e della transizione energetica in Italia e nel mondo. L’evento offre un’opportunità unica per le aziende di stabilire contatti diretti e collaborazioni con centri di ricerca e laboratori internazionali, grazie alla presenza di oltre 350 operatori esteri provenienti da più di 25 paesi.

Parallelamente a K.EY si tiene anche la terza edizione di ForumTech, evento di formazione e informazione di ITALIA SOLARE focalizzato sul ruolo dei sistemi di accumulo nel mercato elettrico, sulle sfide tecnologiche per l’O&M in Italia e la gestione del fine vita dei moduli fotovoltaici.

Infine, K.EY Expo si svolge in concomitanza con DPE The European Exhibition of Electrical Power System, la manifestazione europea dedicata all’intero ecosistema della generazione, distribuzione, sicurezza ed automazione elettrica, organizzata da IEG in collaborazione con l´Associazione Generazione Distribuita.

Sei aree tematiche in primo piano

La fiera di quest’anno si è distinta per aver individuato sei aree tematiche principali, in cui si sono svolti incontri, approfondimenti e networking tra partner e aziende del settore. Ecco le sei aree tematiche in dettaglio:

Solar Exhibition Conference (SEC)

Nell’ambito delle politiche europee per la decarbonizzazione e la riduzione della dipendenza dal gas, l’energia solare emerge come una delle fonti rinnovabili più accessibili. La SEC 2023 si propone come un’importante vetrina tecnologica per il settore solare, coprendo temi che vanno dal residenziale all’utility scale, dal fotovoltaico industriale all’agrivoltaico, fino alle comunità energetiche. Inoltre, quest’anno, la SEC ha ospitato il ForumTech di Italia, un evento che ha presentato tecnologie e soluzioni innovative, dai moduli fotovoltaici agli inverter, dagli accumulatori al balance of system e all’idrogeno verde.

Wind Expo for Mediterranean (WEM)

L’area tematica WEM esplora il contributo e il potenziale dell’energia eolica nel raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europeo. WEM presenta l’eolico in tutte le sue forme, dall’onshore all’offshore, fino al mini-eolico e ai progetti di comunità energetiche basate sull’energia eolica.

Hydrogen Expo

Con l’aumento dell’interesse da parte delle istituzioni italiane ed europee verso lo sviluppo delle tecnologie legate all’idrogeno, l’Hydrogen Expo si pone come un’area di confronto e crescita per la produzione, lo stoccaggio e il trasporto dell’idrogeno. Nel 2019, il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC) ha incluso l’idrogeno in tutte le sue dimensioni, e nel 2021 il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ha dedicato 3,64 miliardi di euro all’idrogeno, con l’obiettivo di sviluppare progetti flagship e “hydrogen valleys”, supportare la ricerca e lo sviluppo, e creare regolamenti per l’utilizzo, il trasporto e la distribuzione dell’idrogeno.

Energy Efficiency Expo (EFFI)

L’EFFI è il luogo di scambio e crescita dedicato alle tecnologie, ai sistemi e alle soluzioni che sostengono e promuovono un uso intelligente delle risorse energetiche. Interessando vari settori protagonisti della transizione energetica, l’EFFI riguarda il comparto industriale, le aziende energivore, le pubbliche amministrazioni, i professionisti e il settore edile.

e-Mobility Expo

Il settore della mobilità elettrica sta vivendo un rapido sviluppo a livello globale, e l’e-Mobility Expo si propone come punto di riferimento per visitatori specializzati, tra pubblica amministrazione, operatori del settore retail, mondo industriale e buyer internazionali interessati a conoscere le ultime novità in termini di veicoli elettrici, infrastrutture di ricarica e tecnologie di supporto. L’e-Mobility Expo offre inoltre un’opportunità per discutere le politiche e le strategie necessarie per favorire la diffusione della mobilità sostenibile e promuovere lo sviluppo di infrastrutture adeguate.

Sustainable City

L’area tematica Sustainable City si concentra sull’evoluzione delle città in termini di digitalizzazione e rigenerazione urbana, offrendo uno spazio per discutere le idee e i progetti che promuovono uno sviluppo urbano sostenibile. In particolare, questa sezione della fiera esplora tecnologie e servizi a disposizione delle amministrazioni pubbliche per l’efficientamento e la riqualificazione del patrimonio immobiliare e delle città, illuminazione efficiente, utility, soluzioni e prodotti ICT per servizi, edifici, smart grid e mobilità sostenibile, electric & hybrid cars, car e bike sharing, smart parking, trasporto pubblico elettrico, app per il trasporto integrato e soluzioni digitali.


All’interno di Sustainable City, grazie alla partnership con Green Building Council Italia, si colloca anche il Sustainable Building District, una nuova area tematica e piattaforma di riferimento per aziende, professionisti, costruttori, real estate e stakeholder pubblici e privati che danno priorità alla progettazione sostenibile e green. Questa sezione espositiva presenta prodotti, servizi e soluzioni per l’edilizia sostenibile, contribuendo a diffondere la cultura dell’efficienza energetica e dell’economia circolare applicata al settore delle costruzioni.

Approfondimenti

La fiera andata in scena a Rimini è sicuramente una delle più importanti a livello europeo su tematiche attualissime come la transizione energetica in atto in tutte le principali aree del mondo. Una sfida per l’umanità che non può rinunciare al naturale progresso ma che non può più chiudere gli occhi di fronte al cambiamento climatico in corso.

Spina dorsale della transizione energetica sono le aziende e le persone che hanno investito nel settore e che hanno animato la scena in questi giorni di Rimini.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *