Libertà Digitale : Sotto attacco in 2 paesi VPN e Crittografia

Brasile e India minacciano la libertà digitale con proposte di leggi che limitano l'uso di VPN e crittografia, sollevando preoccupazioni globali.

Le proposte di legge in Brasile e India mirano a limitare l’uso di VPN e crittografia, alimentando il dibattito globale sulla libertà di espressione e la privacy online.


Le nuove leggi proposte in Brasile e India: un attacco alla libertà digitale

In un mondo sempre più digitalizzato, la libertà di espressione e la democrazia online stanno diventando questioni cruciali. Recentemente, due importanti nazioni, Brasile e India, hanno introdotto misure restrittive che minacciano la libertà digitale dei loro cittadini, sollevando preoccupazioni a livello globale.

La censura digitale in Cina non fa più notizia ormai e i paesi con censura internet sono sempre di più. Anche in Italia, il recente ban del chatbot Chat GPT, legato alle perplessità sulla privacy, ha fatto si che la censura internet facesse la sua comparsa anche in Italia.

Ma le recenti strette di India e Brasile rischiano di fare entrare questi due paesi nella non invidiabile classifica dei paesi più censurati al mondo
Il Supremo Tribunale Federale del Brasile ha annunciato piani per vietare l’uso dei servizi VPN (Virtual Private Network) per superare possibili blocchi di Telegram, l’app di messaggistica crittografata. Nel frattempo, il governo indiano ha introdotto una nuova bozza di regola IT che potrebbe bandire l’uso di VPN e crittografia, strumenti fondamentali per garantire la privacy e la sicurezza online.
In Brasile, questa mossa segue la critica pubblica di Telegram sullo stato della democrazia nel paese. In un messaggio rivolto a tutti i suoi utenti, l’app ha avvertito sulla cosiddetta legge sulle fake news, noto come Disegno di Legge 2630 o legge sulla censura. Questa legge, secondo Telegram, potrebbe “terminare la libertà di parola”, rendendola “uno dei pezzi legislativi più pericolosi mai considerati in Brasile”. Un attacco frontale alla libertà digitale, insomma.

Attacco alla libertà digitale
Photo by Christian Wiediger on Unsplash


Nonostante l’avvertimento di Telegram, la Corte Suprema brasiliana ha accusato l’app di diffondere disinformazione riguardante il disegno di legge. Questo riflette l’atteggiamento crescente del governo brasiliano verso la censura online, in un tentativo di controllare e limitare le informazioni che circolano online.
La proposta di vietare l’uso di VPN segue una serie di eventi in cui le autorità brasiliane hanno bloccato Telegram. Alla fine di aprile, un divieto temporaneo ha rapidamente provocato un picco di interesse per le VPN di Telegram in tutta la regione, poiché gli utenti cercavano modi per continuare ad accedere alla piattaforma. La minaccia di multe civili e penali per l’uso di “sotterfugi tecnologici” come VPN e crittografia evidenzia ulteriormente la crescente limitazione della libertà digitale in Brasile.
Nel frattempo, in India, il governo ha proposto un emendamento alla legge sulla tecnologia dell’informazione (2000). Questo emendamento introduce una nuova regola che mira a frenare la diffusione di contenuti dannosi online. Tuttavia, l’impatto di questa regola potrebbe estendersi ben oltre il suo obiettivo dichiarato, portando al divieto dell’uso di VPN e crittografia, strumenti essenziali per garantire la privacy e la sicurezza online.
Sebbene l’obiettivo dichiarato di questa legge sia quello di proteggere i cittadini indiani da contenuti online dannosi, le implicazioni sulla libertà di espressione e sulla privacy sono enormi.

Le ripercussioni delle restrizioni sulla VPN e sulla crittografia

L’uso di VPN e crittografia è fondamentale per proteggere la privacy e la sicurezza dei dati degli utenti online. La loro proibizione potrebbe rendere gli utenti più vulnerabili alla sorveglianza e alle violazioni della privacy, limitando la loro capacità di accedere liberamente alle informazioni e di esprimersi online.
Le nuove regole proposte in entrambi i paesi rappresentano un attacco diretto alla libertà di espressione, alla democrazia e alla libertà digitale. Sebbene le leggi siano state presentate come misure per proteggere i cittadini e combattere la disinformazione, il potenziale per l’abuso e la censura è evidente. In entrambi i casi, gli utenti che cercano di eludere queste restrizioni attraverso l’uso di “sotterfugi tecnologici” come VPN e crittografia potrebbero essere soggetti a sanzioni civili e penali. In Brasile, coloro che vengono scoperti a utilizzare una VPN sicura o altri strumenti di elusione per accedere a Telegram potrebbero essere soggetti a una multa di circa 20.000 dollari all’ora.
Tali restrizioni non solo limitano la libertà di espressione, ma potrebbero anche avere ripercussioni negative sullo sviluppo tecnologico e sull’innovazione. Le VPN e la crittografia sono strumenti essenziali per garantire la sicurezza online e sono ampiamente utilizzate da individui e aziende per proteggere le informazioni sensibili. Limitare l’uso di tali strumenti potrebbe scoraggiare l’innovazione e compromettere la sicurezza dei dati.

La reazione delle società tecnologiche: Telegram e Google alza la voce

Le società tech, tra cui Telegram e Google, hanno espresso preoccupazione per queste leggi. Telegram ha persino inviato un messaggio a tutti i suoi utenti in Brasile, avvertendo che “la democrazia è sotto attacco”. Google, dall’altra parte, ha rimosso un messaggio prominente sulla sua homepage brasiliana che avvertiva che la legislazione potrebbe “peggiorare Internet” dopo essere stata accusata dal governo di “propaganda ingannevole e abusiva” contro il disegno di legge.
Queste questioni evidenziano la tensione crescente tra governi, società tecnologiche e diritti civili in un’era sempre più digitalizzata. Sebbene sia importante proteggere i cittadini dalla disinformazione e dai contenuti dannosi online, è altrettanto cruciale garantire la libertà di espressione e la privacy online. Come tale, è fondamentale che i governi lavorino insieme a società tecnologiche e attivisti per i diritti digitali per sviluppare leggi e regolamenti che bilancino efficacemente questi interessi.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *